Quali sono le soft skill più remunerate?

Conoscenze, abilità e attitudini: cosa cercano le aziende?




Oggi, nelle aziende che cercano personale viene sempre di più dato peso alla crescita dell’importanza del saper essere oltre che a quella del saper fare. La società è cambiata spinta dal multiculturalismo, le aziende stanno cambiando perchè il mercato alle quali si rivolgono è il riflesso della società alla quale appartengono. In questo quadro le soft skill rappresentano una caratteristica sempre più richiesta e apprezzata negli ambienti lavorativi perchè permettono di ridurre i conflitti e ottimizzare le risorse all'interno delle complessità aziendali.


Cosa sono le soft skill

Capacità di risolvere i problemi e relazionarsi con le persone, avere pensiero critico, creatività, saper parlare in pubblico, fare squadra, essere orientato al servizio e al cliente, saper prendere decisioni e negoziare tutte queste caratteristiche rientrano nel novero delle soft skill: competenze trasversali che raggruppano le qualità personali, l'atteggiamento in ambito lavorativo e le conoscenze nel campo delle relazioni interpersonali.


Quanto pesano le soft skill

Secondo lo Standford Research Institute International, il 75% del successo di un lavoro a lungo termine dipende dalla padronanza delle soft skills e solo il 25% da competenze tecniche. Questo dato ci mostra subito l’importanza di queste abilità trasversali in ambito business.


Quali sono le soft skill più ricercate

Adecco e il Consorzio Milano Ricerche, Wollybi e Job Pricing, hanno condotto una ricerca dal titolo “Conoscenze, abilità e attitudini”, volta a identificare le soft skill più richieste dalle aziende nel 2017 e a stimare il loro valore economico in rapporto alla retribuzione di partenza di un determinato settore (https://adeccogroup.it/conoscenze-abilita-e-attitudini-cosa-cercano-le-aziende/)


Dalla ricerca emerge che una delle skill più ricercate nei settori di produzione, industria e logistica è l’orientamento al cliente, che può valere fino al 42,6% dello stipendio.

Capacità come problem solving e analisi arrivano a far guadagnare fino al 17,6% in più ai lavoratori del settore ristorazione e alberghiero.

Anche la conoscenza dell’inglese, richiesta da circa il 43% degli annunci di lavoro, può generare un aumento della retribuzione fino al 15% nei settori HR, Segreteria e Acquisti.

Mentre per l’autocontrollo si arriva al più 16,8% della retribuzione annua per chi è occupato nel settore medico, farmaceutico e scientifico. Per l’IT e il digital è l’orientamento alla qualità a fare la differenza, con un aumento che può arrivare fino al 8,5%. Il team working vale per commerciale, vendite e marketing il 13,8% in più di retribuzione annua.



Empatia, assertività e capacità di ascolto, attitudine alla trattativa e buona comunicazione rappresentano un ottimo bagaglio di competenza sulla quale investire per sè stessi. Lavorare sulle soft skills consente di ottenere risultati apprezzabili sia internammente nei gruppi di lavoro e nei team esecutivi, sia esternamente nelle relazioni con i i prospect e con i clienti.


Michele Micheletti


41 visualizzazioni