MANIPOLAZIONE E COMUNICAZIONE

Dove si posiziona la sottile linea di confine tra manipolazione e comunicazione efficace?


La comunicazione è uno degli aspetti più importanti di ogni relazione, ma quando questa sconfina nella manipolazione si generano più danni che benefici.

A nessuno piace considerarsi manipolatore o essere accusato di esserlo ma la maggior parte di noi si impegna in derive manipolatorie per "comunicare" in modo orientato e soddisfare determinati desideri o aspettative che abbiamo nei confronti degli altri.


Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono. (Malcolm X)

Rimaniamo in contatto per ricevere i nostri articoli e le nostre informative: https://www.onevolution.net/contatti-x



Per MANIPOLAZIONE psicologica si intende un tipo di influenza sociale finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri usando schemi e metodi subdoli e ingannevoli che possono anche sfociare nell'abuso sia psicologico che fisico. Il fine ultimo perseguito dal manipolatore è la soddisfazione dei propri interessi, di norma a spese degli altri (Wikipedia).

(Braiker, Harriet B., Whos Pulling Your Strings? How to Break The Cycle of Manipulation, 2004.)


Manipolazione e Comunicazione. On EVolution. Italia

Non sempre i nostri comportamenti sono intrinsecamente dannosi, appropriati e legittimi. Ciò che determina se la nostra azione è realmente manipolatoria non è il comportamento stesso, ma il contesto in cui l'intento viene utilizzato: la volontà dietro l'azione e le parole.

Un'intenzione diventa manipolativa quando è guidata da un desiderio nascosto e non dichiarato che ha lo scopo di fuorviare un'altra persona e influenzarne la percezione.

Manipoliamo quando c'è un risultato che desideriamo e siamo più attaccati al raggiungimento di quel risultato che a mantenere l'integrità nella nostra relazione perdendo completam,ente il punto di vista dell'altro.


La manipolazione è ciò che facciamo quando non siamo disposti a rischiare di riconoscere apertamente le nostre intenzioni esprimendo i nostri desideri. Ne deriva una forzatura orientata del linguaggio e dell'atteggiamento atta a celare i veri intenti paventando un'intenzionalità fuorviante. Questa azione si radica in una deficitaria comprensione del concetto di fiducia e di relazione autentica: ci sentiamo meno vulnerabili quando usiamo mezzi comunicativi nascosti per influenzare gli altri e garantirci la loro cooperazione e comprensione.

La maggior parte di noi è perfettamente consapevole che la manipolazione, in contesti relazionali stretti, è in grado di ridurre e corrompere il circuito della fiducia, ciò nonostante continuiamo a mettere in atto comportamenti manipolativi.

Perchè lo facciamo?


Ecco alcuni esempi di alcune delle giustificazioni più comuni:

"Lo fanno tutti."

"È innocuo."

"Non riuscirò a soddisfare i miei bisogni se non lo faccio."

"Sarò in svantaggio se non lo faccio."

"Non è un grosso problema."

"È un'abitudine e non posso rinunciare."

"Non voglio che nessuno si approfitti di me."

Indipendentemente dalle affermazioni con le quali le persone tendono a giustificare il comportamento manipolatorio e le sue conseguenze intenzionali e non, le reali motivazioni devono essere ricercate in situazioni personali più complesse:

Una diminuzione del livello di fiducia in se stessi e fiducia nella relazione

Un aumento dei sentimenti di ansia (risultante dalla paura di rivelare i motivi più profondi)

Sentimenti di colpa e vergogna

Una diminuzione della qualità dell'intimità nella relazione

Un aumento dei sentimenti di risentimento

Un aumento della frequenza e dell'intensità degli argomenti

Una perdita di un senso di integrità personale


Lo strumento fondamentale per la manipolazione della realtà è la manipolazione delle parole. Se puoi controllare il significato delle parole, puoi controllare le persone che devono usare le parole. (Philip K. Dick)

Rimaniamo in contatto per ricevere i nostri articoli e le nostre informative: https://www.onevolution.net/contatti-x


Mentre a volte possiamo avvertire di essere manipolati, quando un'altra persona usa mezzi persuasivi nascosti per influenzarci, è molto meno probabile riuscire ad avere la stessa consapevolezza quando siamo noi stessi ad affetturae una manipolazione sugli altri. Questo accade perchè ognuno di noi ha una visione auto-riferita di sé stesso di sincera bontà e etica incorruttibile e di conseguenza, dal momento che ci sentiamo persone "buone", non avvertiamo minimamente le nostre tendenze manipolative. 

Di solito manipoliamo per urgenza di sopravvivenza, perché temiamo che se non soddisfiamo i nostri desideri-bisogni sicuramente andremo in contro a sofferenza. Spesso non ce ne accorgiamo quando stiamo manipolando ed è imbarazzante doverlo ammettere quando qualcuno ce lo fa notare.


Manipolazione e Comunicazione. On EVolution. Italia

Ecco una lista, assolutamente non esaustiva, di esempi di bisogni che spesso cerchiamo di soddisfare in modo non autentico:

accettazione,

amore,

approvazione,

sesso,

denaro,

attenzione,

sicurezza,

supporto,

accordo,

controllo,

lode.

Con il divenire più consapevoli dei nostri modelli manipolativi, possiamo trovare la motivazione necessaria per interrompere gli impulsi che ci inducono a non essere autentici nella relazione. Quindi, possiamo trovare il coraggio di rischiare di riconoscere esternamente i nostri bisogni e desideri e fare richieste più dirette ed esplicite agli altri.

Il processo di interruzione dei nostri impulsi manipolativi e di ripristino della nostra integrità richiede il fatto di essere onesti con noi stessi per quanto riguarda il perché e il come delle nostre tendenze manipolative. Attraverso un processo di autoindagine, possiamo rendere più consapevoli le motivazioni inconsce che potrebbero essere in gioco. L'autoindagine ci consente di affermare pratiche nuove e più efficaci per soddisfare le nostre esigenze ed evitare le conseguenze dannose della manipolazione.

Ecco alcuni esempi di domande che ci aiuteranno a scoprire alcuni dei nostri bisogni nascosti che stanno alla base dell'intenzione manipolativa.


La gente arriva a credere non sulla base di prove, ma in base a quello che trova attraente. (Blaise Pascal)

Rimaniamo in contatto per ricevere i nostri articoli e le nostre informative: https://www.onevolution.net/contatti-x


"Come manipolo?" (Esempi di modi in cui manipoli)

"Cosa sto cercando quando manipolo?" (Esempi di ciò che sto cercando di ottenere o sperimentare).

"Qual è la paura che mi spinge a manipolare?" (Un altro modo di porre questa domanda è: "Che cosa ho paura di perdere o di non ottenere se non manipolo?" )

"Quali sono i prezzi che pago per manipolare?" (Quali sono le conseguenze negative per te e le tue relazioni?)

"Cosa mi sarebbe richiesto di smettere di manipolare?" (Quali rischi dovresti essere disposto a correre per rompere questa abitudine?)

"Che tipo di supporto mi sarà utile nei miei sforzi per rompere l'abitudine alla manipolazione?"

"Chi sono le persone su cui posso contare per supportarmi in questo processo?"

Tale confronto personale richiede coraggio e impegno. La tendenza ad evitare di affrontare spiacevoli verità su noi stessi è forte in tutti noi perchè attiva sentimenti di vergogna, umiliazione e colpa.

Tuttavia, nel venire a patti con questi sentimenti più profondi, possiamo diventare più capaci di avere una maggiore esperienza di autenticità, intimità, libertà e passione.

I sentimenti positivi emergono non appena ci impegniamo a vivere in modo più autentico e a comunicare più direttamente con le persone con cui cerchiamo di co-creare una connessione soddisfacente. Più a lungo pratichiamo, più diventa facile.

Non è mai troppo presto o troppo tardi per imparare l'importanza della comunicazione e prendere questo impegno per iniziare a godere dei risultati del processo. Happy Life, Good Vibes! 


Rimaniamo in contatto per ricevere i nostri articoli e le nostre informative: https://www.onevolution.net/contatti-x


https://blogs.psychcentral.com/relationship-skills/2019/05/manipulation-the-costs-outweigh-the-benefits/

https://www.yourtango.com/experts/DrPerrinElisha/the-differences-between-secure-insecure-attachment-styles-how-they-affect-relationships



Michele Micheletti

19 visualizzazioni